Pietro Monari – Chitarra


fotocv_pietromonari

Classe 1987, inizia a suonare la chitarra classica all’età di 10 anni sotto la supervisione del maestro Massimo Nalbandian, per circa due anni. Successivamente approda alla scoperta della chitarra acustica ed elettrica grazie al chitarrista modenese Fabrizio Tedeschini, che lo segue per tre anni stimolando l’interesse verso lo studio dell’armonia.

L’apertura musicale di Tedeschini e la sua sensibilità hanno influenzato fortemente le idee musicali di Pietro portandolo a seguire i corsi Base, Intermedio e Avanzato di strumento e Base, Intermedio e Avanzato di Armonia tenuti del maestro Giuseppe La Monica presso l’Accademia di Musica a Modena.

Nel 2015 si laurea presso il conservatorio Frescobaldi di Ferrara in Chitarra, Arrangiamento e Composizione Jazz sotto la supervisione dei maestri Antonio Cavicchi e Roberto Manuzzi; sempre all’interno della realtà del conservatorio segue il corso di canto jazz tenuto dall’insegnante Giuppi Paone e successivamente Tiziana Ghiglioni.

Oltre allo studio della chitarra ha frequentato per due anni un laboratorio di percussioni africane tenuto da “Medi” Mahad Sahal; negli ultimi tempi si è interessato al connubio fisica-musica-elettronica tramite lo studio del theremin, con il quale ha suonato in varie occasioni con la Big Band del conservatorio Frescobaldi e partecipato all’incisione di “Alba” dei Fragil Vida.

Le esperienze musicali spaziano dal jazz elettrico fino alla musica d’atmosfera, composta ad hoc per accompagnare la lettura e narrazione di opere letterarie.

Attualmente è impegnato nel trio FLOWN – www.flownproject.com